FAQ

Quando devo prendere in considerazione l’intervento chirurgico?

La chirurgia deve essere sempre l’ultima risorsa, quando si tratta di curare le condizioni della colonna vertebrale al collo e alla schiena.

Tuttavia, se diversi trattamenti conservativi sono stati tentati senza miglioramento o peggioramento nel corso di un periodo di 6-12 mesi, il trattamento chirurgico sembra ragionevole per alcune condizioni specifiche come la stenosi spinale, la sciatica, la scoliosi o la spondilolistesi degenerativa.

La decisione per un intervento chirurgico deve essere individuata per il paziente in base ai sintomi del paziente, insieme con il loro livello di funzione.

Sono un candidato alla chirurgia vertebrale mini-invasiva?

Il campo della chirurgia vertebrale mini invasiva continua a crescere.

La maggior parte delle patologie vertebrali oggi può essere trattata con tecniche di chirurgia mini invasiva.

Tuttavia, ci sono alcune condizioni che richiedono un trattamento standard, come scoliosi di alto grado, alcuni tumori e infezioni.

La migliore opzione dovrebbe essere personalizzata a seconda della diagnosi e della condizione generale del singolo paziente.

Noi eseguiamo sia la chirurgia della colonna vertebrale mini invasiva, sia la chirurgia tradizionale e, di volta in volta, scegliamo il tipo di trattamento che è più adatto per il singolo paziente.

Perché ho ​​bisogno di effettuare una risonanza magnetica, una TAC o una radiografia prima di avere un intervento chirurgico?

Per la decisione della migliore opzione chirurgica per il singolo paziente è necessario disporre degli esami radiologici come la risonanza magnetica, la TAC o la radiografia e, talora, di esami come l’elettromiografia, la scintigrafia ossea, eccetera.

Per quanti giorni sarò ricoverato in ospedale?

In generale, la chirurgia mini invasiva riduce la degenza della metà. Ad esempio, per gli interventi di ernia del disco o di frattura vertebrale, nella maggior parte dei casi, i pazienti possono tornare a casa il giorno stesso.

Diversamente, per gli interventi con la chirurgia tradizionale “a cielo aperto”, il paziente va di solito a casa in 2-3 giorni.

Inoltre, quando si utilizzano tecniche mini-invasive, l’immediato periodo post operatorio è caratterizzato da dolore molto meno intenso e da limitazioni funzionali decisamente meno severe.

Quando posso tornare al lavoro dopo l’intervento chirurgico mini invasivo?

La decisione di tornare al lavoro deve essere programmata per il singolo paziente.

Per i pazienti con lavori sedentari, come ad esempio il lavoro d’ufficio, una discectomia mini invasiva permette di riprendere l’attività entro 1-2 settimane. Per un intervento più ampio, come una fusione, questo può richiedere 4-6 settimane.

Quanto tempo è necessario per il recupero?

La maggior parte dei pazienti sono in grado di alzarsi dal letto e iniziare a camminare subito dopo l’intervento chirurgico, di solito il giorno stesso o quello successivo. Per le prime 6 settimane, il livello di attività è limitata a camminare e alle normali attività quotidiane.

La maggior parte dei pazienti sono incoraggiati ad evitare sollevamento di carichi pesanti, frequenti flessione, torsione o rotazione o salire durante il primo periodo di 6 settimane. Dopo 6 settimane, i pazienti che iniziano una terapia fisica e un programma di esercizio per ottenere un rapido recupero e la forza.

Entro 3 mesi un aumento graduale delle attività normali come pure l’istituzione di attività sportive a basso impatto può essere avviato.A 6 settimane, tutte le attività possono essere iniziate, compresa quella sportiva.

Dopo l’intervento, per quanto tempo avrò dolore?

In media, i pazienti che hanno subito la chirurgia della colonna vertebrale mini invasiva vengono dimessi nella metà del tempo necessario con la chirurgia tradizionale e il dolore di solito segue questa regola. Ogni procedura, comunque, presenta un tasso differente di recupero.

Dovrò prendere farmaci antidolorifici dopo il mio intervento?

Solo nei primi 3-5 giorni del post operatorio.

Devo portare un tutore?

L’utilizzo di tecniche mini invasive che conservano la funzione muscolare, insieme con impianti specializzati che agiscono come un rinforzo interno, permette di evitare di dover indossare un tutore.

Ovviamente un tutore si rende necessario in alcune situazioni particolari come, ad esempio, nei pazieni con fratture vertebrali multiple.

Avrò bisogno di una terapia fisica dopo l’intervento mini invasivo?

La terapia fisica è una componente fondamentale per una rapida ripresa.

Questo è personalizzato al singolo paziente, ma nella maggior parte dei casi, la terapia fisica viene iniziata 2-3 settimane dopo l’intervento chirurgico.

Si utilizza laser per la chirurgia mini invasiva spinale?

La chirurgia spinale mini invasiva utilizza una varietà di tecniche avanzate, tra cui laser, endoscopi, microscopi, così come può essere assistita da computer, da sistemi di navigazione, in modo che la stessa procedura dell’intervento “a cielo aperto” possa essere effettuata attraverso piccole aperture.

La decisione di utilizzare una o altri tipi di tecnologie avanzate dipende dalle condizioni individuali e dall’intervento chirurgico da eseguire.

Quali sono gli svantaggi della Chirurgia mini invasiva rispetto ai tradizionali interventi "a cielo aperto"?

La chirurgia spinale mini invasiva promette risultati significativi, in termini di minor dolore e recupero più rapido.

Tuttavia, è importante tenere a mente che tutte le nuove tecniche mini invasive richiedono un lungo periodo di formazione del chirurgo per evitare le complicazioni.

Tali complicazioni possono includere decompressione inadeguata, lesioni nervose, infezioni o dolore persistente. Tuttavia, questi sono tutti i rischi che sono associati anche alla chirurgia a cielo aperto.

Occasionalmente, a causa della complessità e della difficoltà tecnica della chirurgia mini-invasiva, l’intervento può richiedere un periodo di tempo più lungo per essere completato.

Quale tipo di intervento ha un tasso di successo maggiore?

L’esperienza del chirurgo deve portare alla scelta migliore del tipo di intervento da effettuare per ogni singolo paziente con un opzione preferenziale, ove possibile, per gli interventi di chirurgia mini invasiva.

Perché non sono più ospedali e chirurghi di eseguire interventi chirurgici MIS?

Perchè la chirurgia vertebrale mini-invasiva è molto specialistica e richiede un lungo periodo di formazione del chirurgo e del personale di sala operatoria.

Inoltre, le attrezzature necessarie per eseguire queste procedure in modo sicuro ed efficace sono molto costose.

Per queste ragioni esistono centri specializzati di Chirurgia Vertebrale Mini Invasiva come l’Ospedale Israelitico di Roma e l’istituto “G. Pascale” di Napoli.

C’è copertura assicurativa per gli interventi di chirurgia vertebrale mini invasiva?

Tutti gli interventi di chirurgia mini-invasiva sono riconosciuti ed accettati da quasi tutte le compagnie di assicurazione.

Prenota una visita

Contatta lo studio del Prof. Luca Serra e richiedi una consulenza.