Scoliosi e mal di schiena: cause, rimedi e come prevenirla.

luca serra neurochirurgo scoliosi

Sono sempre più numerosi i giovanissimi che lamentano, già all’età di 11 anni, mal di schiena: acciacchi alla colonna vertebrale, colpi della strega e dolori più o meno invalidanti.
Complice una scorretta postura ripetuta nel corso della giornata, su cellulare o pc, e una vita sempre più sedentaria e poco dinamica, la scoliosi è diventata la piaga delle nuove generazioni, con ripercussioni sulle attività quotidiane e su un normale stile di vita. Anche la popolazione adulta non è da meno: basti pensare che i Disturbi Muscolo-Scheletrici (DMS) da sovraccarico oggi colpiscono circa il 30% della popolazione.

Cosa è la scoliosi.

Dal greco skolíosis che significa “incurvamento”, la scoliosi è una patologia antichissima, che oggi colpisce il 3% della popolazione e consiste in una deformità della colonna vertebrale che si presenta con una curvatura laterale e una rotazione dei corpi vertebrali.

I diversi tipi di scoliosi.

La scoliosi può essere:

  • lombare;
  • dorso-lombare;
  • dorsale;
  • cervico-dorsale.

I sintomi.

I sintomi della scoliosi sono diversi e variano da soggetto a soggetto, ma i più comuni sono:

  • bacino sbilanciato o anca sollevata e prominente
  • fianchi irregolari
  • spalle posizionate ad altezza differente
  • una scapola più prominente dell’altra
  • costole posizionate ad altezze differenti o prominenti quando si china in avanti
  • corpo inclinato verso un lato

Le cause.

La scoliosi può avere varie origini. Si distinguono:

  • la scoliosi Idiopatica, che per il 65% dei casi si manifesta senza cause note;
  • scoliosi congenita, che per il 15% dei casi è presente dalla nascita;
  • scoliosi dovuta a patologia neuromuscolare o a malformazioni congenite della colonna vertebrale;
  • scoliosi dovuta a: malattie genetiche, disomogeneità della lunghezza degli arti, paralisi cerebrale, distrofia o atrofia muscolare, spina bifida o tumori.

La cura e i rimedi per la scoliosi.

Cure e rimedi per la scoliosi devono essere valutati dopo un’accurata visita da parte di un professionista competente.
Se la scoliosi presenta una curva fino a 15-20° non è prevista alcuna terapia, ma la strada da seguire è senza dubbio l’attività fisica, utile a potenziare i muscoli paravertebrali e a rieducare la postura.
Se invece la scoliosi presenta una curva oltre i 20° fino a 30-35°, si pone la necessità di indossare un busto ortopedico per correggere la postura. Possono, inoltre, essere consigliate anche sedute di chinesiterapia ed elettrostimolazioni.
Nei casi più gravi della patologia, ovvero in presenza di una curva che va oltre i 35-40°, è necessario intervenire chirurgicamente per bloccare la deformità. L’intervento è atto a scongiurare anche complicazioni respiratorie o neurologiche.

L’importanza della prevenzione e l’efficacia dello sport contro la scoliosi.

Lo sport oggi occupa un ruolo importantissimo nella prevenzione dei dolori alla schiena. È stato dimostrato che i ragazzi che praticano sport, anche per un’ora al giorno, magari all’aria aperta, sono meno soggetti a questo tipo di patologie.
L’ideale è iniziare a fare sport sin dai 6 anni, magari praticando prima arti marziali e nuoto, per poi passare ad uno sport di squadra. Ci sono poi alcuni sport, come l’equitazione, che migliorano la postura e l’equilibrio.